Crisi energetica? Colpa nostra: la politica dei no fa male all’economia

L’economista, ministro dell’Industria del Governo Dini, Alberto Clò, è critico: c’è stata un’opposizione testarda a nuovi impianti per il gas e alla creazione di parchi eolici. Per uscire dall’impasse sì alle rinnovabili, ma con il controllo di tutta la filiera produttiva. Ne parliamo sul nuovo magazine

Clò energia magazine

La guerra tra Russia e Ucraina ha reso ancora più evidente la dipendenza energetica dell’Europa dal gas russo, con conseguenze che impattano in modo estremamente preoccupante sulle casse di aziende e cittadini. Questo ha inserito con urgenza in agendo il tema della sostenibilità energetica. C’è chi sostiene che è il momento di concretizzare la svolta verso le energie rinnovabili e chi, invece, punta ad un recupero di carbone e nucleare.

L’Europa importa circa il 40% del suo fabbisogno di gas dalla Russia e nel 2021 il 26% di queste forniture è passato attraverso l’Ucraina grazie al gasdotto Transgas, che favorisce il passaggio di gas dalla Siberia ai paesi dell’Ue (dati ISPI 2022). L’Italia è, tra i Paesi europei, quello che fa più ricorso al gas naturale come fonte energetica: il 42,5% del mix energetico nazionale. Per avere un termine di paragone, si pensi che la Germania ne necessita per il 26%, mentre la Francia per il 17%. Entrambi questi Paesi posso però contare sul carbone e su un parco di rinnovabili più avanzato del nostro (Germania) o sul nucleare (Francia). Leggendo questi numeri si capisce come mai il nostro Paese stia così soffrendo sotto l’aspetto energetico.

Clò energia magazine

«La crisi di questi giorni è frutto dei nostri errori». A dirlo è Alberto Clò, economista, accademico e giornalista, già ministro dell’Industria e del Commercio con l’Estero a metà degli anni Novanta. Il professore fa un quadro molto crudo del perché l’Italia è in questa situazione: «Non si è voluto il nucleare, e va bene. Il carbone no perché produce emissioni. Ma c’è stata un’opposizione testarda e irrazionale anche nei confronti del gas». Clò ricorda quando si impedì la realizzazione di rigassificatori, «di dieci progetti se ne fece solo uno», l’opposizione all’estrazione di gas all’interno dei confini dell’Italia (che portò al referendum contro le trivellazioni del 1996) e l’avversione a nuovi gasdotti (fa riferimento specifico al Tap).

«L’Italia ha la memoria corta, nel 2000 producevamo 20 miliardi di metri cubi di gas, l’anno scorso soltanto 3 – spiega ancora l’ex ministro - Questi 17 miliardi di metri cubi in meno si sono tradotti in 17 miliardi di metri cubi di gas in più importato dalla Russia. Si pensi soltanto che l’anno scorso ne abbiamo importati 29».

Clò energia magazine

Secondo molti la strada da percorrere in questo momento è quella che porta ad un potenziamento delle rinnovabili. Una soluzione che secondo Clò ha bisogno di alcuni distinguo a monte. «È inutile illudersi che con le rinnovabili si risolvano i problemi vuoi climatici, vuoi economici e politici – prosegue il professore – La situazione in cui ci troviamo deve averci fatto capire che l’energia non è solo una materia prima, ma è un fatto politico, che rientra nelle tematiche della difesa, della sicurezza e della sovranità nazionali». Secondo Clò è necessario che l’aspetto energetico sia controllato pienamente da uno Stato, senza il rischio che una crisi come quella tra Russia e Ucraiana, o alcune scelte politiche esterne, portino ad una mancanza di risorse.

«Il mio convincimento è che con le rinnovabili rischiamo di passare dalla padella del gas russo alla brace delle rinnovabili cinesi – piega ancora l’economista – Cioè non bisogna essere dei geni per capire che la Cina ha il controllo quasi monopolistico delle tecnologie rinnovabili (dai materiali alla componentistica, ndr). Quindi andare a rinnovabili ha senso se la tecnologia che serve non è prodotta internamente e oggi l’Europa non ha il controllo della produzione». In altre parole, nel caso che la Cina per un qualche motivo decida di non fornire più le tecnologie necessarie per le rinnovabili all’Occidente, ci troveremmo di nuovo in difficoltà. Quindi rinnovabili sì, ma con il controllo di tutta la produzione, fin dalla realizzazione della tecnologia necessaria.

Clò energia magazine

Affrontato il tema delle forniture bisogna concentrarsi anche sulla questione legata allo sfruttamento del territorio. «Le fonti di energia storicamente piacciono quando sono piccole e poco diffuse sul territorio – dice l’ex titolare dell’Industria – ma quando distruggono interi paesaggi, come avviene con l’eolico, allora gli abitanti di quel territorio si indispettiscono e si oppongono. Guarda caso l’eolico su terra in Europa è praticamente bloccato». È quindi auspicabile un cambio di mentalità, si deve andare oltre al “not in my back yard” accogliendo una visione un po’ più ampia e collettiva del problema.

«Alcune prese di posizione ecologiste, miopi, ci costano moltissimo e non risolvono alcunché – conclude Clò - Anche perché l’aumento delle rinnovabili che c’è stato in Europa non è andato a decremento del gas, è andato a decremento del nucleare, che è l’unica altra fonte di energia che non emette anidride carbonica». Proprio per questo negli ultimi giorni alcuni Paesi europei stanno cambiando le loro politiche sul nucleare. Belgio e Germania, che avevano annunciato l’uscita dal nucleare, hanno fatto dietrofront rinviando lo spegnimento dei loro reattori, mentre la Francia ha parlato addirittura di rinascita dell’industria nucleare, con sei nuovi reattori da costruire e altri otto allo studio.