Moda, Chimica e Ceramica – Firmato il nuovo Ccnl: incrementi tra i 66 e i 70 euro

 Moda, Chimica e Ceramica – Firmato il nuovo Ccnl: incrementi tra i 66 e i 70 euro

Il rinnovo del Ccnl della Moda, Chimica e Ceramica coinvolge 100mila aziende e 250mila lavoratori e prevede aumenti medi in busta paga di 66 euro per il settore moda; di 70,09 euro per il settore Chimico, Gomma Plastica e Vetro e di 66,26 euro per Ceramica, Terracotta, Gres e Decorazione Piastrelle.

Gli aumenti salariali saranno suddivisi in 2 tranche di differente importo. Inoltre, per il periodo di vacanza contrattuale l’accordo riconosce un’indennità una tantum pari a 150 euro per tutti i lavoratori di tutti i settori: 75 euro a maggio e 75 euro a giugno prossimi. L’intesa prevede l’aumento di 4 euro della quota di versamento per l’ente bilaterale per le prestazioni integrative, quota che passerà da 7,68 euro a 11,68 euro.

Ricompreso anche il settore della concia artigiana
Per la parte normativa sarà recepito, all’interno del perimetro contrattuale, il protocollo di filiera siglato il 19 dicembre 2019 che regola l’impegno comune ad affrontare il dumping contrattuale, la legalità e il rapporto nella catena della produzione tra grandi committenti e le aziende in committenza. Inoltre, assumerà valore contrattuale anche il documento congiunto di aprile 2021 riguardante il coinvolgimento delle istituzioni per la valorizzazione del settore tessile. Nella sfera di applicazione del contratto sarà ricompreso anche il settore della concia artigiana. Già dal mese di giugno verrà costituita una commissione tecnica propedeutica alla ricognizione di questo settore.