To do or not to do: ecco la check list dell’azienda attrattiva

Per attrarre nuovi talenti, siano giovani o più che rodati, anche per una Pmi è importante comunicarsi bene. Giovanni Mattiazzo, specializzato in public speaking, gestione dell’attenzione e strategia comunicativa, ci ha dato qualche spunto utile su cosa fare e cosa non fare nella comunicazione d’impresa per risultare attrattivi

Check list aziende

Per attrarre nuovi talenti, siano giovani o più che rodati, anche per una Pmi è importante comunicarsi bene. Giovanni Mattiazzo, specializzato in public speaking, gestione dell’attenzione e strategia comunicativa, ci ha dato qualche spunto utile su cosa fare e cosa non fare nella comunicazione d’impresa per risultare attrattivi.

Le possibili criticità

- Il passaggio del testimone
Le Pmi prima di tutto vivono uno scontro generazionale forte tra chi ha la proprietà e chi la acquisirà. Non si capisce quanto sia importante il passaggio di consegne. È ovvio che i giovani hanno valori diversi, ma hanno dei valori. A volte è difficile dialogare e capirsi, per cui la figura con più esperienza tende a imporsi.

- Il valore dei valori
Nella maggioranza dei casi il dover vendere conduce al “basta che funzioni”, “finché incasso va bene così”. Non va bene, perché se non si trasmettono dei valori all’interno del prodotto, dopo un po’ non si venderà più allo stesso modo.

- Mai più senza social?
Tutti pensano che i social siano fondamentali e aprono profili. Poi si accorgono che non sanno cosa dire. Prendono personale interno, magari una segretaria o altre figure che ci sono a disposizione, come se tutti potessero fare tutto. È controproducente: queste persone avranno delle cose in più da fare, e in più non sapranno gestire i social per mancanza di esperienza.

Check list aziende

- Sicurezza forzata
I corsi di formazione per la sicurezza sul lavoro sono obbligatori e già chi li acquista lo fa controvoglia. Per questo errore di comunicazione iniziale poi funzionano poco.

- Formazione obbligata
Spesso l’azienda decide per cosa i dipendenti devono essere formati, senza chiederlo a loro. Magari scelgono qualcosa che in quel momento non serve anche se forse servirà in prospettiva, ma è qualcosa che il dipendente non farebbe.

- Comunicare come?
C’è un problema nella scelta degli strumenti. Quasi tutto passa dalle e-mail, perché quasi tutto deve essere scritto, e questa abitudine mette in luce un problema mastodontico, perché la fiducia si basa sulla parola. Questa modalità di comunicare per forza in forma scritta si collega anche al problema dell’attenzione. Si fa tutto nel minor tempo possibile perché tutto è fatto in emergenza, ma tutto fatto in emergenza via e-mail rallenta fortemente le cose, e questo è un problema. Tutto questo accade perché non si riesce a dare delle priorità. Se WhatsApp esiste e funziona c’è un motivo, ed è l’immediatezza. Ci vogliono regole da contratto sugli orari in cui deve essere acceso e spento, per la pace mentale delle persone.

A fronte di queste criticità è possibile mettere in atto meccanismi virtuosi sia nell’approccio interno, sia nella comunicazione all’esterno.

- La cultura della formazione
L’imprenditore deve scegliere gli enti di formazione migliori per la propria realtà e deve stare attento a come propone i corsi ai propri dipendenti, anche quelli obbligatori.

Check list aziende

- Alla base della comunicazione
Bisogna imparare a guardare in prospettiva e immaginare gli scenari futuri, poi comunicarli e agire in modo strategico. Se non si capisce quali scenari si configurano, non si capisce che cosa bisogna comunicare per essere efficaci.

- Scegliere con quale strumento comunicare
Conoscere le diverse tipologie di strumenti per comunicare e decidere quando utilizzarle è essenziale. A volte è facile fraintendersi con la comunicazione in forma scritta, che sia via email o con uno scambio di messaggi, mentre parlarsi al telefono sarebbe più facile.

- Quello che gli occhi non vedono
Per vendere bisogna imparare ad ascoltare le informazioni e metterle insieme. Un esercizio che faccio fare spesso è quello di chiudere gli occhi per fermare gli stimoli visivi, che sono molto forti, e focalizzare l’attenzione sull’udito.

- Non solo social
I social non sono uno strumento di promozione ma di comunicazione e non vanno usati come una pubblicità gratuita o low cost. Il fatto che quasi tutte le aziende li usino non significa che servano a tutti. Possono servire, a condizione che facciano parte di una strategia complessiva.

- Trasparenza interna
L’imprenditore spesso ha difficoltà a farsi vedere fragile. Se sta vivendo una paura, invece, può scegliere di condividere questa esperienza con le altre figure che sono in azienda. Non per forza con tutti, ma con un team di persone che possono e vogliono aiutare.

- Barriere culturali e/o generazionali
L’anziano non deve fare un passo indietro, ma un passo avanti: l’imprenditore deve capire che tenere all’azienda significa anche individuare le persone che lo sostituiranno e iniziare a delegare, perché al momento opportuno siano preparate al loro ruolo.